Se abbiamo stimolato la Vs. curiosità : qualche notizia in più
 
Pannello fotovolatico: è il componente di un impianto fotovoltaico che trasforma la luce del sole che riceve in
energia elettrica utilizzabile. Colore Blu di Prussia, Argento, Beige.
 
La vita di un pannello fotovoltaico è stimata in oltre 100 anni.
 
L'energia necessaria a produrre un pannello fotovoltaico è pari a quella che lo stesso produrrà nei primi 2 max
4 anni , in funzione del tipo di pannello e della sua installazione, per cui il risparmio in produzione di anidride
carbonica CO2 è largamente a favore della produzione di energia elettrica con pannelli fotovoltaici.
 
Rendimento di un pannello fotovoltaico: Il sole riversa per ogni mq di terreno una media di 1 Kw per ogni
metro quadrato, i pannelli fotovoltaici ne trasformano in energia elettrica una percentuale conmpresa tra 8% e
17%.
 
Cella a concentrazione: è un modulo fotovoltaico di ridottissima dimensione, pochi millimetri su cui con
opportuni sistemi a lente di circa cm 20x20, si concentra la luce di 300-500 soli e riesce a produrre unitariamente
sino a 40W, è il futuro.Funziona con il sole a picco.
 
Inseguitore solare biassiale: è un dispositivo di un certo impatto visuale , può anche piacere , con il quale i
pannelli o un insieme di pannelli si muovono inseguendo il sole massimizzando la raccolta di luce consentono
una maggior produzione di energia pari ad almeno il 40%.
 
Inseguitore solare ad 1 asse: varia la posizione dei pannelli migliorando la raccolta di luce , la produzione di
energia aumenta sino al 25%
 
Impianto Integrato: è tale un impianto fotovoltaico inserito nella struttura edile es: facciate, tetto, pensiline ,
con utilizzo di tegole fotovoltaiche, al posto delle tegole in una vasca di impermeabilizzazione, con pannelli
flessibili inseriti tra le nervature di una copertura in lamiera di alluminio o preverniciata, Impermeabilizzazione con
fogli catramati di una copertura industriale in cui i pannelli fotovoltaici sono in essa inseriti per costruzione.
 
Impianto non integrato: è un impianto la cui struttura di sostegno è appoggiata a terra e completamente in vista.
 
Impianto parzialmente integrato: un misto dei due precedenti, appoggiato sulla copertura e totalmente o
parzialmente con struttura in vista esterna alla costruzione.
 
Pannelli in silicio monocristallino: i più costosi , funzionano bene con il sole a picco.
 
Pannelli in silicio policristallino: funzionano bene esposti al sole anche se la luce non arriva a picco.
 
Pannelli in silicio amorfo: basso rendimento, ma funzionano bene anche con luce diffusa (nuovoloso).
 
Cella fotovoltaica: porzione unitaria di un pannello fotovoltaico.
 
Stringa di pannelli: assieme di pannelli fotovoltaici collegati in serie e parallerlo.
 
Quadro di campo: raccoglie e protegge i collegamenti in ingresso dai pannelli fotovoltaici, è dotato di protezioni
amperometriche e di protezioni da sovratensione di origine atmosferica.
 
Inverter: apparecchiatura che trasforma l'energia in corrente continua prodotta dai pannelli Fotovoltaici in
corrente alternata da collegare in parallelo con ENEL o altro Ente distributore. L'inverter è altresì dotato di un
dispositivo che in caso di mancanza della rete Enel ( per guasto in rete o manovra ) interrompe l'erogazione
dall'impianto fotovoltaico , la reinserirà al ritorno di rete Enel.
 
Misuratore di energia prodotta: è un contatore certificato che totalizza l'energia prodotta dall'impianto
fotovoltaico , è il valore sul quale verrà effettuato il calcolo del contributo in Conto Energia. Trasferisce i dati
all'ente Erogatore su rete Enel con sistema ad onde convogliate.
 
Contatore energia in scambio con Enel, può essere un contatore che Enel aggiunge a valle del suo esistente
e totalizza l'energia prodotta ed inviata in rete non utilizzata dall'impianto elettrico dell'Utente.
 
Contatore energia prelevata dall'Utente, è il contatore esistente, si paga all'Enel solo l'energia risultante dalla
differenza tra quella fornita e quella richiesta. Questi due contatori possono essere unificati in uno solo che
totalizza solo la differenza da pagare.
In questo modo si produce di giorno quando c'è il sole e si consuma di giorno e di sera quando il sole è calato.
 
Eccesso di produzione: se si produce più di quello che si consuma il totale dell'energia resta a credito per tre
anni , se non consumata si perde, ovvero : non conviene fare un impianto in scambio dove si produca più di
quanto si consumi. Questo ha validità per abitazioni o Ditte con impianti inferiori na 20 Kwp.
 
Per le Imprese Edili
 
L'art. 4 del Testo Unico per L'Edilizia , modificato da legge Finanziaria 2007 al comma 350 dello stesso
subordina la concessione di licenza edilizia per qualunque abitazione singola o condominio alla
realizzazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura dello stesso ed altresì alla realizzazione di un impianto
solare per la produzione di acqua calda sanitaria o ad integrazione del sistema di riscaldamento
Non tutti i Comuni hanno recepito questa direttiva , solo quelli animati da maggior consapevolezza ecologica,
ma è questione di tempo e ci arriveranno tutti
Interpellateci per sapere cosa predisporre in fase di costruzione, se attuare le misure d'obbligo 200Wp
per ciascuna unità abitativa o qualcosa più consono alle necessità dell'abitazione o condominio.
 
Alcune utili Informazioni per Privati e Amministratori di Condominio
 
Potenza contrattuale con ENEL: 3 Kw - 6 Kw - Altro Precisare …………………………..
I prezzi dell'impianto saranno con IVA 10% non recuperabile, Incentivo ed energia prodotta non sono tassati
se l'energia non viene prodotta in eccesso e venduta.
Nota: Sino a 20 Kwp, di potenza dell'impianto fotovoltaico, l'energia prodotta dallo stesso e immessa in rete
viene detratta da quella utilizzata perelevandola dalla rete; il Conto Energia Vi riconosce per ogni Kwh prodotto
dall'impianto fotovoltaico un incentivo: compreso tra 0,35 a 0,45 € per Kwh. All'incentivo si può aggiungere un
premio
, calcolato sullo stesso, che varierà in funzione di vari fattori legati alle caratteristiche della casa, e di
interventi attuati o da attuare riconducibili al risparmio energetico: es. tipo di lampade utilizzate a basso consumo,
elettrodomestici di classe A, limitate dispersioni termiche, etc. il premio può aumentare sino al 30% il valore
unitario di incentivo per Kwh prodotto in conto energia (da 0,35-0,45 a 0,45-0,58).
La potenza dell'impianto può essere successivamente ampliata, il risparmio energetico degli immobili può
essere successivamente migliorato e certificato, e può essere richiesto un adeguamento dei benefici al Conto
Energia.
La variazione dell'incentivo da 0,35 €/Kwh a 0,45 €/Kwh è legata al tipo di impianto a partire dalla tipologia
realizzativa: non integrato- parzialmente integrato, integrato. Ulteriore premio viene dato per realizzazioni
integrate di alto valore architettonico.
Il beneficio del conto energia ha validità di 20 Anni, il recupero dei costi con finanziamento, avviene in 7-12 anni
in base alla tipologia di impianto realizzato, in tali costi è compresa la manutenzione annuale e una
assicurazione contro furti e mancata produzione per guasto. Statiscamente difficilmente si hanno guasti, il
componente più delicato è l'inverter che interfaccia i pannelli fotovoltaici con Enel, la riparazione può avvenire in
tempi inferiori alle 48 ore.
E' importante scegliere pannelli fotovoltaici e inverter tra quelli più affidabili sul mercato, marche che abbiano una
esperienza pluriennale a testimonianza della loro l'affidabilità.
La vita limite dei pannelli è stimata in 100 anni, i migliori perdono il 15% di efficienza nella conversione da luce
ad energia elettrica in 20 anni. E' prevedibile dover sostituire gli inverter dopo 13 anni. Comunque i migliori
produttori offrono garanzie pluriennali, nella scelta dei materiali è bene tenere questo argomento in debito conto.
 
Alcune notizie utili per Società o Professionisti con Partita IVA ( anche Società
Cond.le con P.IVA )
 
Potenza contrattuale con Enel o Consorzio o altro Ente Erogatore energia………………completare
La Fornitura di energia avviene da ENEL o da Consorzio? Se si Precisare nominativo……………………
Nota: sino a 20 Kwp, ( 14/11/07 diventa 200 Kwp ) di potenza dell'impianto fotovoltaico, l'energia prodotta
viene detratta da quella utilizzata ( Regime di scambio )
( In attesa di circolare a conferma da GSE ).
Per impianti di potenza superiore ai 20 Kwp ( 14/11/07 diventa 200Kwp ) viene venduta ad Enel a 0,095€/Kwh.
Il Conto Energia Vi riconosce per ogni Kwh prodotto dall'impianto fotovoltaico un incentivo: compreso tra 0,35 a
0,45 € per Kwh
. All'incentivo si può aggiungere un premio, calcolato sullo stesso, che varierà in funzione di
vari fattori legati alle caratteristiche della casa / opificio, e di interventi attuati o da attuare riconducibili al
risparmio energetico: es. tipo di lampade utilizzate a basso consumo, elettrodomestici di classe A, limitate
dispersioni termiche, etc. il premio può aumentare sino al 30% il valore unitario di incentivo per Kwh prodotto
in conto energia ( da 0,35-0,45 a 0,45-0,58).
I prezzi sono con IVA 10% recuperabile, il Costo dell'impianto va in ammortamento( recupero di circa il 37%).
Circolare n. 46E Luglio 07 Agenzia delle Entrate per Persona giuridica/Società: è Dovuta l'imposta diretta (
IRES e IRAP con ritenuta di acconto del 4% alla fonte ) sull'incentivo per tutta l'energia prodotta, IVA esclusa per
incentivo,( per qualunque potenza di impianto ). In caso di vendita di energia in eccesso è dovuta: l'imposta sui
ricavi: IRAP su vendita, IRES su vendita, IVA su vendita, IVA su acquisto impianto detraibile ai sensi dell'art. 19
DPR 633/72, ammortamento deducibile, Interessi passivi in caso di mutuo o leasing ( non ancora chiarito se
deducibili ).Quanto sopra per impianti eserciti in scambio sul posto potenza massima 20KWp. Per potenze di
impianto superiore a 20KWp è ammesso il solo esercizio in vendita totale, Imposte dirette IRES + ritenuta 4% e
IRAP su incentivo , ed IRES ed IRAP su energia venduta.
Gli interessi passivi su eventuale finanziamento vanno a costo ( gravati però da IRAP ) così era fino a
giugno priima della Circolare 46E AE, ora da chiarire.
La potenza dell'impianto può essere successivamente ampliata, il risparmio energetico degli immobili può
essere successivamente migliorato e certificato, e può essere richiesto un adeguamento dei benefici al Conto
Energia.
La variazione dell'incentivo da 0,35 €/Kwh a 0,45 €/Kwh è legata al tipo di impianto a partire dalla tipologia
realizzativa: non integrato-parzialmente integrato, integrato. Ulteriore premio viene dato per realizzazioni
integrate di alto valore architettonico. Più 5% se autoconsumata almeno per il 70% di quanto prodotto.
Il beneficio del conto energia ha validità di 20 Anni, il recupero dei costi con finanziamento , avviene in 7-12 anni
in base alla tipologia di impianto realizzato , in tali costi è compresa la manutenzione annuale e una
assicurazione contro furti e mancata produzione per guasto . Statiscamente difficilmente si hanno guasti, il
componente più delicato è l'inverter che interfaccia i pannelli fotovoltaici con Enel , la riparazione può avvenire in
tempi inferiori alle 48 ore.
La vita limite dei pannelli è stimata in 100 anni, i migliori perdono il 15% di efficienza nella conversione da luce
ad energia elettrica in 20 anni. E' prevedibile dover sostituire gli inverter dopo 13 anni. Comunque i migliori
produttori offrono garanzie pluriennali, nella scelta dei materiali è bene tenere questo argomento in
debito conto.
 
In base ai dati che ci fornirete ed a seguito ns. sopralluogo Vi forniremo le seguenti indicazioni:
 
Le tipologie di impianto adatte e la loro potenza.
La prevedibile energia prodotta in un anno.
Il costo delle diverse tipologie di impianto realizzabili ed i tempi di rientro dai costi con o senza finanziamento.
L'importo che andrete a ricavare per la durata del conto energia e quella limite a 25 anni , più in là non andiamo.
I termini esatti di garanzia ( variabili tra diversi Produttori ) di Pannelli- Inverter- Apparecchiature.
I nominativi delle Banche che hanno predisposto tipologie di finanziamento dedicate a sostenere lo sviluppo degli
impianti fotovoltaici in Italia, un piano di spesa con flusso di cassa.
Un programma esecutivo con i tempi tecnici necessari per l'eventuale operazione completa.
Agurandoci di aver raccolto il Vs. interesse Vi salutiamo cordialmente.